Il progetto

Il Progetto

Il Promotore
Il soggetto capofila "Comune di Aci Catena" propone il progetto denominato "Il cammino di San Filippo, e la ri-scoperta di tesori di Jaci S. Antonio e S. Filippo", nell'intento di realizzare itinerari dedicati al segmento religioso. L'iniziativa del progetto si basa sull' art. 1 comma 1228 della Legge 296/2006 finalizzata allo sviluppo del settore del turismo e per il suo posizionamento competitivo quale fattore produttivo di interesse nazionale, onde consentire la realizzazione di progetti di eccellenza per lo sviluppo e la promozione del sistema turistico nazionale, nonché il recupero della sua competitività sul piano internazionale. Gli altri partner del progetto sono Comune di Santa Venerina, Comune di Valverde, Comune di Aci Sant'Antonio, Comune di Limina, ristorante Valle Verde di Paolo e Maria Teresa Filia s.n.c., BIS.CO.SA. srl Gestione Hotel Kennedy, ristorante/pizzeria "La Botte" di Limina, Ristorante "U Lanternaru"di Limina, Ristorante Number One, , Ristorazione con somministrazione "La Cambusa del Capitano", Associazione Culturale Promo Loco, Cons. Sicily It" Associazione di Promozione Turistica ed Economica,



Il Territorio
Il territorio d'interesse è costituito da 4 aree della Sicilia Orientale, precisamente dal Comprensorio delle Aci di cui fanno parte : Aci Catena Aci Sant'Antonio, Valverde e Santa Venerina, siti sulla fascia pedemontana dell'est dell'Etna a pochi chilometri da Acireale e dalle sue spiagge, terme e strutture alberghiere. L'Area di Calatabiano dove la tradizione legata al culto di San Filippo d'Agira si mischia al folklore ed è rinomata in ambito internazionale. Il comune di Limina, partner del progetto, dove il culto di San Filippo ha seguaci nelle comunità di emigrati liminesi di Caracas e New York. L'area di Agira costituisce il luogo di partenza del culto di San Filippo: è qui che sono sepolte le sue spoglie e che sono presenti le principali testimonianze storiche ed architettoniche della presenza del Santo.

Progetto
Il progetto prende spunto dall'itinerario percorso dal Santo nell'opera di evangelizzazione della Sicilia, con l'individuazione di alcuni luoghi in cui il culto religioso del Santo ha una storia millenaria. Quindi, seppur discontinuo territorialmente, l'itinerario religioso culturale che si vuole promuovere è legato da un comune denominatore: il culto religioso che in tali località assume caratteristiche tradizionali millenarie. Con lo stesso denominatore infatti, si articolano diverse singolarità territoriali per uso e costumi, retaggio delle varie culture che hanno subito nel corso de i secoli diverse contaminazioni dalle varie dominazioni. La multiculturalità dei territori in esame emerge in modificazioni sostanziali sulle testimonianze architettoniche e sulle tradizioni popolari, tutte accomunate dalla stessa radice di culto religioso.

La rete
Verrà proposto un accordo di rete tra le partnership che comporta la sensibilizzazione degli attori locali affinché costoro si sentano partecipi del progetto e ne sposino con convinzione gli obiettivi e le strategie. Rappresenta inoltre uno dei punti fondamentali del progetto, in quanto l'Accordo di Rete possa creare una sinergia tra gli attori e proporre itinerari turistici competitivi e con elevato standard qualitativi.

Attività
Il progetto punta alla realizzazione di una serie di infra-strutturazioni immateriali di facile ed economica gestione ed espansione che permettano di implementare nei territori interessati (in futuro ampliabili) un prodotto turistico specializzato basato su un itinerario religioso ma innovativo nella modalità di fruizione.Le attività saranno articolate in cinque azioni principali:

AZIONE 1: Conoscenza del territorio e messa in rete degli operatoriSaranno realizzate schede di rilevazione dei siti d'interesse del progetto al fine di censire l'intera area ed evidenziare sia criteri di accessibilità che informazioni storico-culturali-religiose e paesaggistiche. Di pari passo si provvederà a censire gli operatori della ricettività in senso lato e dell'indotto e attraverso un focus group si provvederà porre le basi per la messa in rete degli stessi.

AZIONE 2: Infra-strutturazione digitaleVerranno realizzate tutta una serie di infrastrutture immateriali al fine di rendere il prodotto turistico fruibile online attraverso una piattaforma digitale tecnologica innovativa multilingue in grado di interfacciarsi con l'utente si tramite un portale WEB che attraverso applicazioni per smartphone (QR code APP) con soluzioni tecnologiche che vanno dal trade online, ai road book virtuali e alla realtà aumentata.

AZIONE 3: Accoglienza (Warm welcome)Questa azione punta al miglioramento degli standard quali quantitativi dei servizi turistici del territorio attraverso una serie di interventi che vanno dalla realizzazione di un marchio alla produzione di materiali foto video fruibili online, alla formazione degli operatori e alla proposta realizzazione di un disciplinare di rete. Al fine di incrementare la disponibilità di posti letto verrà elaborato ed implementato uno studio finalizzato alla realizzazione di una rete di ospitalità diffusa

AZIONE 4: Identificazione della reteTrattasi della realizzazione di infrastrutture quali targhe, totem e bacheche in grado di identificare il prodotto e gli operatori della rete.

AZIONE 5: Promo commercializzazione ELABORAZIONE DEI PACCHETTI TURISTICIImportante sarà la valenza attribuita, all'interno dell'attività? di promo-commercializzazione, alle proposte di pacchetti turistici nell'ambito del turismo religioso, realizzabili attraverso il partenariato tra pubblico e privato, nel pieno rispetto e rafforzamento dei ruoli e delle competenze degli attori.

EDUCATIONAL TOUR
Realizzazione di pacchetti turistici promossi attraverso educational tour ed eventi dedicati la comunicazione si avvarrà della rete dei social network.Sarà previsto un educational tour nei territori di pertinenza del progetto con la finalità di una promo-presentazione del territorio che ne esalti le realtà attuali e potenziali sotto il profilo sia socio-culturale che per la fruibilità turistica.

Comunicazione
L'attività di comunicazione, ha per obiettivo la progettazione e la realizzazione di strumenti finalizzati a illustrare, trasmettere e promuovere ai potenziali clienti le caratteristiche e le potenzialità dell'itinerario turistico religioso/culturale. Come già esplicitato, l'obiettivo è giungere a una implementazione dell'incoming turistico con particolare riferimento a viaggiatori individuali ma anche gruppi.Le principali attività consisteranno in:Realizzazione di attività di comunicazione (direct marketing, web marketing);Ideazione e realizzazione di materiale promo-pubblicitario.Verrà attivato un profilo su Instagram e Facebook dove sarà possibile relazionarsi con gli utenti, intrapresa un'azione di marketing su YouTube, la redazione di testi e la stampa di Brochure in (Inglese, Spagnolo e Italiano) e l'istallazione di QR-code per consentire l'approfondimento online delle informazioni sugli itinerari turistici.

Unione Europea
Regione Siciliana
Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo
Sicilia
Sicilia Natura